martedì 22 dicembre 2009

The treasure chest of our hearts

[traduzione italiana al termine] Where do you keep, at home, your precious jewellery? People usually put them in a nice small chest locked with a key and kept in a drawer.

It is your "treasure chest". In that place not only do jewels find their place, but also other things which are precious in a different way, like pictures of your loved ones, letters or a little something which is important to you and which reminds you of happy events in the past.

It is similar to the treasure chests of pirates, idealised by children's stories. In children's stories, we read that treasure was easily held in a wooden chest and buried, with a treasure map, to guide the one who buried it (or a lucky recipient of the map) back to where it was hidden.

Our heart, the seat of our affections, could be compared to such a "treasure chest" which contains our happy precious memories. Often we need to find our way back to it and "recover it", because in that place our identity also lies.

Mary, Jesus' mother, had a similar treasure box in which she put the memories of the amazing things and experiences she had had, since she received the grace and responsibility of giving birth and bringing up as a human being: the Saviour of the World. This is mentioned in the Gospel of Luke, a few days after Jesus' birth.

Let's recall that familiar story: Mary, who was pregnant, and Joseph, the man she was pledged to marry, had to go to their home town, Bethlehem to register for a census that had been ordered. There were many people, there, so many, that guest rooms were no longer available.

So they had to no other option than to find some shelter for the night, in a stable. There Jesus was born and was laid on a manger. They were not left by themselves, though. Jesus was welcomed by shepherds who had been informed of the event, in supernatural way. The shepherds, who in those times were a despised category of people, lost no time, but hurried joyfully to the place. They were
satisfied by what they saw and made it known everywhere that this child was the
Saviour: Christ the Lord. Gifts were brought to Jesus, Mary and Joseph by foreign visitors, wise men from the East (the Magi), supernaturally informed about Jesus and led there, by God's leading.

Exactly at this point, we find a statement about Mary, the mother of Jesus, which I think is worth considering. It says: "Mary treasured up all these things and pondered them in her heart" (Luke 2:19).

In her heart and mind, Mary pondered the amazing things which had happened to her and more which were yet to come. She thought about these things often. She gave them much thought, dwelt on them in her mind and stored, preserved them in the "treasure chest" of her heart. This was intended to awake holy thoughts and feelings: praise and thanksgiving, but also to remind Mary that only from God, in prayer, would she find the wisdom and strength necessary for meeting the responsibilities and difficult times that she would have to face.

Mary pondered the things which were happening to her. The word ponder comes from the Latin "ponderare", which means "to weigh something", to give it "weight". It means to weigh in the mind, to balance something, to reflect seriously upon something, to consider it with thoroughness and care, to think about it carefully; "to chew" over it, "to ruminate" upon it, as cows do when they "chew the cud". Pondering means to "put on one's thinking cap". What amazing expressions! The opposite of "pondering" is to forget, ignore or to neglect.

Isn't "pondering" something we are called to do? We need to revisit and to reflect carefully on all the experiences of our lives, the situations we have encountered, the events in which we have been and are involved and to draw from them the "lessons" that God wants us to learn from them,  their meaning for our lives.

This is because if we see our life from God's perspective, there is always a meaning in it. There are no meaningless events in our lives;  there are no meaningless lives. Although we might not immediately see it, there is always a meaning, even in bad things. This is what we should thoroughly and prayerfully investigate and then meditate upon. In fact, as God's word says: "And we know that in all things God works for the good of those who love him, who have been called according to his purpose" (Romans 8:28).

We should especially reflect on the things which relate to Jesus Christ and never ignore or neglect them, because Jesus of Nazareth, as the Bible proclaims, is the Saviour of the World. He is the only one who can save us from sin, and its consequences. As the Apostles preached: "Salvation is found in no one else, for there is no other name given under heaven by which we must be saved." (Acts 4:12)

So where is the treasure of your heart? Where are all your precious spiritual things stored? Maybe we need "a map", in order to retrace this "treasure chest" and find it again? Perhaps we cannot recall everything, but just some precious things, even from our childhood? We should try go back, to ponder the things - and enjoy them again.

In our treasure chest may be stored precious memories about the Lord and Saviour Jesus Christ and what He has done for us. If He was not then, in the past, we can  put Jesus into our treasure chest now and give it "weight" because our eternal destiny is in His hands.

The Scriptures say: "We must pay the most careful attention, therefore, to what we have heard, so that we do not drift away. For since the message spoken through angels was binding, and every violation and disobedience received its just punishment, how shall we escape if we ignore so great a salvation? This salvation, which was first announced by the Lord, was confirmed to us by those who heard him. God also testified to it by signs, wonders and various miracles, and by gifts of the Holy Spirit distributed according to his will." (Hebrews 2:1-4).

Paolo E. Castellina, December 22, 2009.

[Traduzione italiana]

Dove tenete, in casa, i vostri gioielli preziosi? La gente di solito li mette in un piccolo scrigno chiuso a chiave e conservato in un cassetto. E il tuo "scrigno del tesoro". In quel luogo non solo trovano posto i gioielli, ma anche le cose che vi sono preziose in un modo diverso, come le immagini dei vostri cari, le lettere o qualcosa che è importante per voi e che vi ricorda gli eventi felici in passato.

E' simile alla cassa del tesoro dei pirati, idealizzata dai racconti per ragazzi. In quelle storie leggiamo che il tesoro era tenuto in una cassa di legno e sepolto, con una mappa del tesoro per guidare colui che l'aveva seppellito (o di un fortunato destinatario della mappa), affinché potesse essee ritrovato.

Il nostro cuore, la sede dei nostri affetti, potrebbe essere paragonato ad uno scrigno che contiene i nostri preziosi ricordi felici. Spesso abbiamo bisogno di ritrovare la via per ricuperarlo, perché in quel luogo si trova anche la nostra identità.

Maria, madre di Gesù, era in un simile scrigno che aveva messo le memorie delle cose stupefacenti e le esperienze che aveva avuto dal momento che aveva ricevuto la grazia e la responsabilità di far nascere e
di crescere come un essere umano il Salvatore del Mondo. Questo è menzionato nel Vangelo di Luca, pochi giorni dopo la nascita di Gesù.



Ricordiamo che la storia familiare: Maria, che era incinta, e Giuseppe, l'uomo che era impegnata a sposare, doveva andare alla loro città natale, Betlemme per registrarsi per un censimento che era stato ordinato. C'era li così tanta gente che camere non erano più disponibili.


Così non avevano altra scelta sper trovare un riparo per la notte, se non andare in una stalla. Qui nasce Gesù ed è deposto in una mangiatoia. Non erano stati lasciati da soli, però. Gesù è accolto dai pastori, che erano stati informati del fatto in modo soprannaturale. I pastori, che in quei tempi erano una categoria disprezzata, non perdono tempo, ma si affrettano con gioia per recarsi presso Gesù. Sono stati soddisfatti da ciò che vedono e fanno conosceredappertutto che questo bambino è il Salvatore, Cristo, il Signore. Portano doni a Gesù, Maria e Giuseppe dei visitatori stranieri, uomini sapienti dall'Oriente (i Magi), pure soprannaturalmente informati su Gesù e portato lì da Dio.

Proprio a questo punto, troviamo una dichiarazione di Maria, la madre di Gesù, che credo sia opportuno prendere in considerazione. Dice: "Maria serbava in sé tutte queste cose, meditandole in cuor suo" (Luca 2:19).

Nel suo cuore e mente, Maria meditava le cose stupefacenti che le erano avvenute ed altre ancora dovevano
venire. Pensava a queste cose spesso. Se ne dava pensiero, si soffermava su di esse nella sua mente e le conservava nel "tesoro" del suo cuore. Questo era finalizzato a sollecitare in lei santi pensieri e sentimenti: lode e di ringraziamento, ma anche per ricordare a Maria, che solo da Dio, nella preghiera, lei avrebbe trovato la
saggezza e la forza necessaria per soddisfare le responsabilità nei momenti difficili che avrebbe dovuto affrontare.


Maria ponderava le cose che le stavano accadendo. La parola "ponderare" deriva dal latinoe significa "pesare qualcosa", dare "peso" a qualcosa. Significa pesare nella mente, soppesare, riflettere seriamente su
qualcosa, prendere in considerazione con serietà e cura, pensare con attenzione, "masticare", "ruminare", come le mucche il loro cibo. L'opposto di "riflettere" è quello di dimenticare,ign orare o trascurare.



Non è forse "ponderare" qualcosa che siamo chiamati pure noi a fare? Abbiamo bisogno di rivedere e riflettere attentamente su tutte le esperienze della nostra vita, le situazioni che abbiamo incontrato, gli eventi che ci hanno coinvolto e di trarne le "lezioni" che Dio vuole insegnarci, il loro significato per la nostra vita.

Questo perché se vediamo la nostra vita dalla prospettiva di Dio, in essa c'è sempre un significato. Non ci sono eventi privi di significato nella nostra vita, non ci sono vite senza senso. Anche se potremmo no vederlo
subito, c'è sempre un significato anche nelle cose cattive. Questo è ciò che dovremmo indagare a fondo e in preghiera e poi meditare. In realtà, come la parola di Dio dice:
"Or sappiamo che tutte le cose cooperano al bene di quelli che amano Dio, i quali sono chiamati secondo il suo disegno" (Romani 8:28).

Dobbiamo soprattutto riflettere sulle cose che si riferiscono a Gesù Cristo e non ignorarle o trascurarle, perché Gesù di Nazaret, come la Bibbia proclama, è il Salvatore del mondo. Egli è l'unico che può salvarci dal peccato, e le sue conseguenze. Come gli Apostoli hanno predicato: "In nessun altro è la salvezza; perché non vi è sotto il cielo nessun altro nome che sia stato dato agli uomini, per mezzo del quale noi
dobbiamo essere salvati
" (Ati 4:12).

Allora, dove è il tesoro del tuo cuore? Dove sono conservate tutte le tue cose spirituali preziose? Forse abbiamo bisogno di una "mappa", al fine di ripercorrere questa cassa "tesoro" e ritrovarlo? Forse non possiamo ricordare tutto se non solo alcune cose preziose, magari dalla nostra infanzia. Dovremmo cercare di tornare indietro, a meditare queste cose - e goderle di nuovo.

Nel nostro tesoro possono essere conservati preziosi ricordi del Signore e Salvatore Gesù Cristo e di ciò che Egli ha fatto per noi. Se per qualche motivo non vi è presente, possiamo mettere Gesù nel nostro tesoro in questo stesso momento e "dargli peso", perché il nostro eterno destino è nelle Sue mani.

Le Scritture dicono: "Perciò bisogna che ci applichiamo ancora di più alle cose udite, per timore di essere trascinati lontano da esse. Infatti, se la parola pronunciata per mezzo di angeli si dimostrò ferma e ogni trasgressione e disubbidienza ricevette una giusta retribuzione,come scamperemo noi se trascuriamo una così grande salvezza? Questa, dopo essere stata annunciata prima dal Signore, ci è
stata poi confermata da quelli che lo avevano udito, mentre Dio stesso aggiungeva la sua testimonianza alla loro con segni e prodigi, con opere potenti di ogni genere e con doni dello Spirito Santo, secondo la sua volontà
" (Ebrei 2,1-4).

Nessun commento:

Posta un commento