martedì 31 gennaio 2012

Ultime da Sodoma

Un prossimo convegno dal titolo «Coppie omosessuali: diritti e benedizioni» della "Rete Evangelica Fede e Omosessualità" che avrà luogo a Torino nella Chiesa Valdese, con professori e pastori di detta chiesa, sarà un ulteriore tappa del sistematico "lavaggio del cervello" inteso a promuovere nelle chiese la legittimità dell'omosessualità. Pensano evidentemente che più si insiste sulla cosa, più le chiese "si abitueranno all'idea" e così tutti "cascheranno nella rete". Questa è la loro speranza.

Persistono pure nel sistematico sfruttamento e distorsione, a loro uso e consumo, dei testi biblici, cadendo per altro nel ridicolo. Il testo biblico da snaturare scelto questa volta è «Non ti lascerò andare prima che tu mi abbia benedetto!» (Genesi 32:26). Che gli "omosessuali credenti" lottino con Dio, questo non sorprende, ma che lottino con Dio per costringerlo a benedirli... questo è proprio il colmo. Magari si illudono di prevalere su Dio, e che magari Lui "ritiri" quanto dice nella Sua parola a proposito della loro perversione.

Che Giacobbe fosse un tipo "discutibile", un prevaricatore ed un ingannatore, per quanto eletto da Dio, è vero. Il fatto è, però, che Dio lo trasforma, lo cambia, e da Giacobbe diventa Israele, il patriarca della fede del popolo di Dio. Dio trasforma sempre i peccatori che Egli elegge. Grazie a Dio vi sono stati e vi sono omosessuali che Dio elegge a salvezza e che poi trasforma.

Questi della REFO, però, pare che non abbiano alcuna intenzione di cambiare. Vogliono essere benedetti e continuare allegramente a fare quel che vogliono, magari magnificando la grazia di Dio... Le cose, però, non funzionano in questo modo. I loro "pii desideri" non avranno successo. Vogliono tendere delle reti per farci cadere i cristiani "ingenui" che essi vorrebbero prendere per il naso con i loro discorsi e conferenze, ma Dio dice loro "Sventura li colga all'improvviso e siano presi nella rete ch'essi hanno nascosta" (Salmo 35:8).

"Non v'illudete; né fornicatori, né idolatri, né adùlteri, né effeminati, né sodomiti, né ladri, né avari, né ubriachi, né oltraggiatori, né rapinatori erediteranno il regno di Dio. E tali eravate alcuni di voi; ma siete stati lavati, siete stati santificati, siete stati giustificati nel nome del Signore Gesù Cristo e mediante lo Spirito del nostro Dio" (1 Corinzi 6:9-11).

Per approfondire il tema:





Nessun commento:

Posta un commento