lunedì 27 agosto 2012

Un "signor nessuno" (L'opera del Cristo, 2)

D. 47. In che modo Cristo si è umiliato nel Suo concepimento e nascita? 
R. Cristo si è umiliato nel Suo concepimento e nascita nel fatto che, essendo da ogni eternità il Figlio di Dio ed essendo nel seno del Padre, Egli si è compiaciuto, nella pienezza del tempo di diventare il Figlio dell'uomo, fatto da una donna di umile condizione, e nato da essa; insieme alle diverse circostanze che caratterizzano più che un abbassamento ordinario. [Catechismo Maggiore di Westminster, D/R 47).
Un "signor nessuno", un perfetto sconosciuto, figlio di un'adolescente e d'incerta paternità, che lavorava nella bottega di suo padre in un villaggio di nessuna importanza.... Non è mai andato a scuole importanti.... La sua famiglia era del tutto ininfluente, senza prospettive di farsi molta strada nella vita. "Può forse venir qualcosa di buono da Nazaret?"' (Giovanni 1:46). "Non è questi il figlio del falegname? Sua madre non si chiama Maria e i suoi fratelli, Giacomo, Giuseppe, Simone e Giuda?" (Matteo 13:55).

Non poteva Dio fare una scelta migliore? Eppure indaghiamo sull'umiliazione, l'abbassamento del Figlio di Dio. E' quello di cui si occupa questa e le successive D/R del Catechismo Maggiore di Westminster.

1. Il Cristo era di fatto il Figlio di Dio da ogni eternità. Come dice il Simbolo atanasiano: "Ma per l'eterna salvezza è necessario credere fedelmente anche all'Incarnazione del Signore nostro Gesù Cristo. La retta fede vuole, infatti, che crediamo e confessiamo che il Signore nostro Gesù Cristo, Figlio di Dio, è Dio e uomo. È Dio, perché generato dalla sostanza del Padre fin dall'eternità; è uomo, perché nato nel tempo dalla sostanza della madre. Perfetto Dio, perfetto uomo: sussistente dall'anima razionale e dalla carne umana. Uguale al Padre nella divinità, inferiore al Padre nell'umanità. E tuttavia, benché sia Dio e uomo, non è duplice ma è un solo Cristo. Uno solo, non per conversione della divinità in carne, ma per assunzione dell'umanità in Dio. Totalmente uno, non per confusione di sostanze, ma per l'unità della persona. Come infatti anima razionale e carne sono un solo uomo, così Dio e uomo sono un solo Cristo" (Simbolo atanasiano)..

2. Da sempre nel seno del Padre. L'espressione "nel seno del Padre" significa "vicino al cuore del Padre" (ὁ ὢν εἰς τὸν κόλπον τοῦ πατρός), vale a dire che il Figlio eterno è uno con il Padre. Questa espressione è presa dall'usanza orientale di mangiare sdraiati e, in questo caso accostarsi al petto della persona amata come segno di amicizia, affetto, particolare vicinanza. Lo troviamo quando Giovanni si accosta, mangiando, al petto di Gesù: "Ora, a tavola, inclinato sul petto di Gesù, stava uno dei discepoli, quello che Gesù amava ... Egli, chinatosi sul petto di Gesù..." (Giovanni 13:23,25). Qui significa che Gesù aveva una tale conoscenza di Dio come possono avere l'uno dell'altro due amici intimi. Questo Lo rende particolarmente qualificato a farci conoscere Dio. Il Padre ed il Figlio, inoltre, per quanto nell'ambito della Trinità siano Persone distinte, per quanto riguarda la sostanza, sono gli stessi.

3. Una scelta del tutto libera. Il catechismo usa l'espressione "si è compiaciuto" comunica la verità che Cristo è diventato uomo volontariamente, di Sua propria libera volontà, non perché fosse costretto a farlo. Nella storia della teologia vi sono stati pensatori che hanno cercato di trovare "il perché" di queste scelte di Dio e persino dimostrare (con ragionamenti fantasiosi), che Dio fosse stato "costretto" a inviare Suo Figlio in terra e vivere e morire a quel modo. No, Dio per principio non è costretto proprio a fare nulla. Egli è sovranamente libero e non deve nulla a nessuno. "Le Sue ragioni" (che spesso noi non siamo in grado di sondare) derivano solo da quello che Egli è, da Sé stesso. Se fa qualcosa, in ogni caso, c'è sempre un buon motivo.

4. La pienezza del tempo. La Scrittura ci dice che Cristo è diventato uomo "nella pienezza del tempo" (Galati 4:4), o "compimento del tempo". Questo vuol dire che Cristo è diventato uomo quando giunge il tempo che nella Sua sapienza ritiene che sia più opportuno, il tempo che Egli aveva preparato accuratamente. Le profezie l'avevano annunciato e la cosa si debitamente si realizza. "Perché Gesù nasce in quel tempo e in quel luogo?", si chiede oggi qualcuno suggerendo e motivando come Dio avrebbe potuto fare "scelte migliori". Quella però, era la scelta migliore secondo l'infinita sapienza di Dio, la scelta più appropriata, il tempo più appropriato, così come la storia umana segue ciò che Dio ha decretato. Tutto avviene non "per caso". Le cause prime sono in Dio.

5. Una donna d'umile condizione. Il catechismo mette in rilievo, come componente dell'abbassamento del Cristo, che il Cristo nasce da una donna di umile condizione. Vero è che Maria era stata, in senso spirituale, prescelta ed onorata più di ogni altra donna come presuppone il saluto dell'angelo all'Annunciazione: «Ti saluto, o favorita dalla grazia; il Signore è con te» (Luca 1:28), ciononostante, come condizione sociale, era lungi dall'essere onorata. Poteva vantare la discendenza dal re Davide, ma quella famiglia da lungo tempo aveva perduto rilevanza sociale. Non era più gente influente né tanto meno facoltosa. La profezia diceva: "Questi sarà grande e sarà chiamato Figlio dell'Altissimo, e il Signore Dio gli darà il trono di Davide, suo padre" (Luca 1:32), ma questa dignità non l'avrebbe ricevuta né da Sua madre in senso politico e sociale. Umanamente la cosa non aveva rilevanza né era allora riconosciuta. Il profeta Isaia scrive infatti: "Egli è cresciuto davanti a lui come una pianticella, come una radice che esce da un arido suolo" (Isaia 53:2). Lo stesso vale per la discendenza davidica del patrigno, Giuseppe. Gesù sarebbe stato conosciuto così: "Non è questi il falegname, il figlio di Maria, e il fratello di Giacomo e di Iose, di Giuda e di Simone?" (Marco 6:3). Maria ammette poi la Sua indegnità (e non per falsa umiltà). Afferma infatti: "perché egli ha guardato alla bassezza della sua serva. Da ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata" (Luca 1:48). Agli occhi del mondo Gesù è privo di un qualsivoglia titolo di riconoscimento sociale o culturale. Agli occhi del mondo è un "nessuno" in tutti i sensi. Non poteva che essere la scelta più "umiliante" nascere in tali condizioni.

6. Persino maggiori disagi. Quando il catechismo parla di "le diverse circostanze di più che un abbassamento ordinario" si riferisce alle circostanze disagiate in cui Gesù nasce, più disagiate della maggioranza delle nascite allora. Gesù nasce in una mangiatoia. Non c'erano alberghi disponibili ad ospitarli e comunque la Sua famiglia non poteva permettersene. Più tardi, con la Sua famiglia, deve persino fuggire all'estero per sfuggire dalle persecuzioni di Erode che non voleva "concorrenti", anche solo potenziali "aspiranti al trono". Che illuso pensare di opporsi ai propositi eterni di Dio!

Davvero un "signor nessuno" che però..

1 commento:

  1. Caro fratello Paolo,ho sottolineato in questo studio una felice sintesi sulla Persona di Cristo quale Dio-Uomo."Uno solo (Cristo),non per conversione della divinità in carne, ma per assunzione dell'umanità in Dio."Non dunque una conversione,ma un'assunzione.Fratello, stai "scavando" molto bene la chiesa di Cristo ti è grata in vista della perfezione dei santi.

    RispondiElimina