venerdì 9 aprile 2010

Come posso sapere se sono un eletto d...

Come posso sapere se sono un eletto di Dio

Come posso sapere se sono un eletto di Dio? Non si tratta di una questione oziosa, inutile. Qualcuno pensa che non sia possibile saperlo o che persino denoti arroganza. La verifica di noi stessi, però, è una precisa esigenza biblica. "Esaminatevi per vedere se siete nella fede; mettetevi alla prova. Non riconoscete che Gesù Cristo è in voi? A meno che l'esito della prova sia negativo" (2 Corinzi 13:5); "Fratelli, cercate di render sempre più sicura la vostra vocazione e la vostra elezione. Se farete questo non inciamperete mai" (2 Pietro 1:10). I criteri biblici per rispondere a questa domanda sono chiari. Scrive l'Apostolo: "Conosciamo, fratelli amati da Dio, la vostra elezione" (1 Tessalonicesi 1:4). Riprendo così quanto schematizzato da A. W. Pink:

Come posso sapere se sono un eletto? Devo verificare se:
  • In primo luogo, la Parola di Dio ha fatto una così potente breccia nella mia anima da mandare in frantumi ogni compiacimento per me stesso e da farmi rinunciare ad ogni presunzione di essere a posto rispetto a Dio.
  • In secondo luogo, lo Spirito Santo mi ha persuaso della mia deplorevole condizione spirituale che, davanti a Dio, mi rende colpevole e perduto.
  • In terzo luogo, avendomi rivelato quanto adatto e sufficiente sia Cristo Gesù per sanare il mio caso disperato, lo Spirito Santo mi ha una tale fede in Cristo da farmi affidare completamente a Lui come sola mia speranza.
  • In quarto luogo, sono presenti in me i segni di una nuova natura: amore per Dio, appetito per le cose spirituali, l'anelito ad essere santo e il desiderio di essere conforme a Cristo.
  • In quinto luogo, questa nuova natura fa sì che io opponga resistenza alla vecchia, facendomi odiare ciò che Dio considera peccato e detestare me stesso quando vi incorro.
  • In sesto luogo, cerco di evitare tutto ciò che è condannato dalla Parola di Dio e, confessando umilmente ogni trasgressione, me ne ravvedo. Fallire su questo punto certamente fa sì che la mia certezza di essere accolto da Dio sia oscurata e lo Spirito ne trattenga la testimonianza interiore.
  • In settimo luogo, mi impegno diligentemente a coltivare in me il carattere cristiano in ciò che penso, dico e faccio, avvalendomi di tutti i mezzi a mia disposizione per promuoverlo.

E' così che la conoscenza dell'elezione si ottiene per effetto cumulativo.

[Adattato da: A .W. Pink, The Doctrines of Election and Justification (Grand Rapids: Baker, 1974), pp. 140-41].

1 commento:

  1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina