domenica 22 luglio 2012

Quali sono i segni distintivi di una vera chiesa?

"Ed erano perseveranti nell'ascoltare l'insegnamento degli apostoli e nella comunione fraterna, nel rompere il pane e nelle preghiere" (Atti 2:42).
Come abbiamo già rilevato nel nostro studio precedente sull'apostolicità, affermare semplicemente di essere apostolici non è prova sufficiente che una chiesa sia di fatto apostolica. Una chiesa è apostolica solo se segue fedelmente l'insegnamento del Nuovo Testamento senza aggiungere o sottrarre alcunché. Siamo di fronte ad una realtà simile quando un gruppo più o meno largo di persone afferma di essere chiesa. Sicuramente è possibile che un tale gruppo affermi di essere una chiesa, ma come facciamo a sapere se quel raggruppamento sia davvero una chiesa?

Nel corso della storia sia i Cattolici romani che i Protestanti hanno risposto a questa domanda in modo molto diverso. Per il Cattolicesimo romano, una vera chiesa esiste quando abbia un vescovo che possa tracciare una linea di successione indietro nel tempo fino a giungere agli stessi Apostoli. In ultima analisi, questo significa che una vera chiesa debba essere in comunione con il vescovo di Roma - il Papa. Secondo la tradizionale concezione del Cattolicesimo romano, solo le parrocchie cattolico-romane che sono in sottomissione al Papa costituirebbero la vera chiesa di Gesù Cristo.

Qualunque cosa si possa dire sulla concezione che abbiamo menzionato, i segni distintivi di una vera chiesa non possono altro che essere verificati mettendola a confronto con l'insegnamento delle Sacre Scritture, che presentano l'insegnamento genuino originario di Cristo, l'inerrante Parola di Dio. I protestanti sono generalmente d'accordo su due segni distintivi della vera chiesa: la corretta predicazione della Parola e la corretta amministrazione dei Sacramenti. Molti aggiungono come terzo segno distintivo la corretta amministrazione della disciplina ecclesiastica, dato che è la disciplina a determinare chi possa ricevere questi strumenti della grazia.

Un'ovvio tratto distintivo della chiesa è la corretta predicazione della Parola di Dio. Senza la fedeltà alle fondamenta della fede cristiana nessun gruppo può pretendere di considerarsi giustamente cristiano, e tanto meno di considerarsi chiesa. Sommari dell'insegnamento essenziale delle Scritture come il Credo di Nicea e la Confessione di fede di Westminster possono assisterci nel determinare se una chiesa particolare predica accuratamente la Parola oppure no. I sacramenti sono parole visibili di Dio: è così che essi pure caratterizzano una vera chiesa. Il testo biblico di oggi prova come i primi cristiani affermassero questi due tratti distintivo della chiesa, poiché la chiesa del Nuovo Testamento era perseverante nel ricevere l'insegnamento degli Apostoli e nel "rompere il pane" (la Cena del Signore) (Atti 2:42). Parola e sacramenti, rettamente amministrati, erano ciò che per la chiesa apostolica ciò che veniva considerato determinante per la sua identità. Questo pure lo deve essere per noi.

Le vere chiese sono identificate dalla loro fedeltà alla Parola di io, non dalla loro grandezza o influenza che hanno nella società. Una chiesa che riceve con fede l'insegnamento della Scrittura e vi ubbidisce, sicuramente estenderà la propria influenza nella società ad essa circostante, ma la semplice presenza di programmi o un raggruppamento di credenti professanti, non significa necessariamente che una chiesa vi sia presente. Come cristiani, chiamiamo le nostre chiese a rimanere fedeli alla Parola di Dio e ad amministrare i sacramenti rettamente e regolarmente.
"Noi crediamo che bisogna diligentemente discernere, e con grande prudenza mediante la Parola di Dio, quale è la vera Chiesa, dal momento che tutte le sètte che sono al giorno d’oggi nel mondo si fregiano del nome di Chiesa. Noi qui non parliamo della compagnia degli ipocriti che sono frammisti ai buoni nella Chiesa, e tuttavia non lo sono affatto, sebbene vi siano presenti in quanto al corpo ma diciamo di distinguere il corpo e la comunione della vera Chiesa da tutte le altre sètte che dicono di essere la Chiesa. I tratti distintivi per conoscere la vera Chiesa sono questi: Se la Chiesa pratica la pura predicazione del Vangelo; se essa pratica la pura amministrazione dei sacramenti, come Cristo li ha ordinati; se la disciplina ecclesiastica è praticata per correggere i vizi . In breve, se ci si regola secondo la pura Parola di Dio, rigettando tutte le cose contrarie ad essa avendo Gesù Cristo come il solo capo. In base a questo si può essere sicuri di conoscere la vera Chiesa, ed è il dovere di ognuno di non esserne separato. E quanto a coloro che sono della Chiesa, li si può conoscere attraverso i tratti distintivi dei cristiani; e cioè per la fede e quando, avendo ricevuto un solo salvatore Gesù Cristo essi fuggono il peccato e seguono la giustizia amando il vero Dio e il loro prossimo, senza rivolgersi né a destra o a sinistra, crocifiggendo la loro carne con le sue opere; non che tuttavia non vi sia una grande infermità in loro, ma essi combattono contro di essa per lo Spirito, tutti i giorni della loro vita facendo continuamente ricorso al sangue, alla morte, passione e obbedienza del Signore Gesù, mediante il quale essi hanno remissione dei loro peccati nella fede in lui. Quanto alla falsa Chiesa, essa attribuisce a se stessa e alle sue ordinanze più autorità che alla Parola di Dio. Essa non vuole assoggettarsi al giogo di Cristo. Essa non amministra affatto i sacramenti secondo quanto Cristo ha ordinato per mezzo della sua Parola; ma vi aggiunge e toglie a suo piacimento; essa si fonda sugli esseri umani più che su Gesù Cristo; essa perseguita coloro che vivono santamente secondo la parola di Dio, e la riprendono per i suoi vizi, per le sue avarizie, per le sue idolatrie. Queste due Chiese sono facili da conoscere e distinguere l'una dall'altra" (Confessione di fede belga, articolo 29).

Nessun commento:

Posta un commento