domenica 30 settembre 2012

Rafforza il resto che sta per morire!

Lettera alla chiesa di Sardi

1 «All'angelo della chiesa di Sardi scrivi:

Queste cose dice colui che ha i sette spiriti di Dio e le sette stelle:

"Io conosco le tue opere: tu hai fama di vivere ma sei morto. 2 Sii vigilante e rafforza il resto che sta per morire; poiché non ho trovato le tue opere perfette davanti al mio Dio. 3 Ricòrdati dunque come hai ricevuto e ascoltato la parola, continua a serbarla e ravvediti. Perché, se non sarai vigilante, io verrò come un ladro, e tu non saprai a che ora verrò a sorprenderti. 

4 Tuttavia a Sardi ci sono alcuni che non hanno contaminato le loro vesti; essi cammineranno con me in bianche vesti, perché ne sono degni.
5 Chi vince sarà dunque vestito di vesti bianche, e io non cancellerò il suo nome dal libro della vita, ma confesserò il suo nome davanti al Padre mio e davanti ai suoi angeli.
6 Chi ha orecchi ascolti ciò che lo Spirito dice alle chiese".
(Apocalisse 3:1-6).


Pastori e leader di chiese che promuovono benedizioni di unioni fra persone dello stesso sesso e consacrano ministri di culto omosessuali non sono "fratelli con i quali dissentiamo", ma promotori di "un altro vangelo" (Galati 1:6-9). Essi sono falsi maestri che allontanano la gente dal ravvedimento e dall'opera redentrice di Cristo. Sono lupi da scacciare dal gregge... non fratelli che si possano lasciar parlare dal pulpito e dare così loro opportunità per diffondere il loro veleno spirituale". L'unica opportunità di dialogo che deve essere data a questa gente è dire loro: "Ritrattate, ravvedetevi oppure dovrete affrontare misure disciplinari e l'espulsione". E questo non perché noi si sia meschini, ma perché abbiamo un gregge da proteggere, e quel gregge non può e non deve rischiare di essere manipolato da questi cosiddetti leader cristiani che vogliono avvalersi del pulpito per imbarcarsi in auto-indulgenti viaggi teologici che conducono in nessun posto. Dando un pulpito e l'opportunità di parlare a questi falsi maestri, state dando aiuto e conforto al Nemico. State sovvertendo proprio l'Evangelo che pretendete di sostenere. Per amore della Chiesa che Gesù ama e per la quale è morto e risorto, proclamate Gesù Cristo, difendete la fede che è stata trasmessa ai santi una volta per sempre, oppure dimettetevi.

Da un sito web di una chiesa anglicana dissenziente

Nessun commento:

Posta un commento